Home
Orologio
Login Form





Password dimenticata?
Menu principale
Home
Le Sezioni
Notizie
Blog
Cerca
Link
Contattaci Modena
Contattaci Pavullo
Contattaci Finale Emilia
Contattaci Mirandola
Calendario
Foto
Video
Forum
Materiale
eventi
contributi
avvisi
Sito Nazionale P.S.
Internazionale Socialista
Partito Socialista Europeo
Syndication
Contatore
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday1551
mod_vvisit_counterYesterday2109
mod_vvisit_counterThis week3660
mod_vvisit_counterThis month38337
mod_vvisit_counterAll1919554
La Segreteria Provinciale del PSI di Modena incontra Cinzia Franchini PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
sabato 16 febbraio 2019

La Segreteria Provinciale del PSI di Modena incontra Cinzia Franchini


Venerdì 15 febbraio pomeriggio, presso la sede della Federazione Provinciale del PSI di Modena, in Via Ippolito Nievo n° 136, la Segreteria Provinciale socialista, guidata dalla Segretaria Provinciale Graziella Giovannini, ha avuto un incontro con Cinzia Franchini, ex presidente di Cna-Fita ed esponente del laboratorio politico e movimento civico “Modena Ora”.

L'incontro è stata l'occasione per i socialisti modenesi di conoscere, dalla viva voce della protagonista di “Modena Ora”, i temi e le idee alla base del progetto civico promosso dalla stessa Cinzia Franchini e per avviare un confronto sul piano programmatico.

I socialisti, nell'incontro con la Franchini, hanno ribadito la loro posizione recentemente espressa con un documento approvato dal Direttivo Provinciale il 25 gennaio u.s. in cui si afferma che è opportuno per le prossime elezioni amministrative (che riguarderanno la maggior parte dei Comuni della Provincia di Modena oltre che il Comune capoluogo) che “il Partito Socialista, forte di una storia di 125 anni, si ponga al centro del dibattito delle città e dei comuni chiamati al voto facendo appello a tutte quelle forze politiche e movimenti che hanno voglia di lavorare assieme per salvaguardare il senso civico e affermare il bene comune delle singole comunità”.

In tal senso l'impegno dei socialisti è quello di contrastare quanti, a Modena come nel resto del Paese, lavorano quotidianamente per cancellare l’idea di una società aperta, solidale, democratica e moderna e sostituirla con una società chiusa, egoista, autoritaria e retrograda, fondata sul nazionalismo etnico, sul razzismo e sul sovranismo.

L'incontro molto cordiale e propositivo con l'esponente di “Modena Ora” ha segnato un primo , positivo momento di confronto e ha sancito la comune volontà di tenere un contatto permanente e continuativo nelle prossime settimane per verificare la possibilità di una più stretta collaborazione.

 



                                                                                                                          Ufficio Stampa PSI




Federazione Provinciale P.S.I.

Via Ippolito Nievo 136/138 – 41124 Modena

Telefono 059-34.62.17 mail: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 


 
SERVE UN PATTO FRA GIOVANI E ANZIANI PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
lunedý 11 febbraio 2019

SERVE UN PATTO FRA GIOVANI E ANZIANI



 

E proprio vero che i partiti soffrono di discredito o sono diffusori di fumo che accendono sigarette usate per incendiare il bosco? Fuor di metafora provo a spiegare. Tutto parte da molto prima del 4 marzo 2018 che ha mosso la parte più neghittosa-minoranza-minoranza del popolo. L'Italia viene dipinta vecchia, corrotta, col bisogno che il popolo aiuti la magistratura a far piazza pulita. Nasce il dipietrismo. Ma proseguendo a fare di tutta un'erba un fascio – dimenticando sempre chi sono i corruttori nazionali e internazionali – ci siamo trovati con incapaci di governare e all'esplosione di una politica social rozza, cattiva e ignorante oltre ogni immaginazione.

Arrivano Grillo e la squadra capitanata dal duo Di Maio – Di Battista e la Lega salviniana, la signora Meloni e il redivivo Berlusconi costretti a fare opposizione ai loro stessi partner.

Nel tempo che si dipana in questa assurda cagnara di bugie e aria fritta, qualcuno ha capito che non c'è novità? Anzi, finti partiti e movimenti etero diretti i cui leader si sono riempiti di denunce personali e generali, rotture interne ed internazionali, veri e propri vulnus morali che non hanno nulla di naturale confronto ma incidono sul valore morale del nostro vivere in comunità. C'è del nuovo? Dove? Poi saltano fuori gli arresti di magistrati, uomini e donne poliziotti, carabinieri e finanzieri, un altissimo numero di funzionari pubblici, tutti dediti a discreditare le loro funzioni per singoli interessi.

E' l'inferno dello Stato, una crisi di sistema o la necessità di prender in mano leggi e regolamenti e farli applicare? Vale la pena fermarsi a ragionare e a contrapporre al qualunquismo e allo sfascismo usati come clava per contrapporsi alla razionalità e al sano e duro confronto di idee.

L'Italia non è un coacervo di corrotti e ha energie morali e materiali per riprendersi. Un patto fra giovani e anziani di grande respiro porterebbe forza al futuro e alzerebbe l'argine contro la deriva e il trogloditismo di chi si inventa capace di infangare chiunque lavori o pensa.

Chi sa deve poter lavorare, chi è ignorante può migliorare. Occorre rialzarsi e non dimenticare le proprie idee per quieto vivere. Il civismo senza anima è il primo nemico del buon governo, il civismo che rilancia il confronto democrazia e cultura non è anteposto né contrario ai partiti.

La Costituzione è chiara: se scardiniamo l'architrave salta la casa. Se la politica riprende il cammino la distinzione fra ciarlatani e costruttori del bene pubblico è già la rivoluzione che necessita.



                                                                Paolo Cristoni










 
IL DIRETTIVO PROVINCIALE..... PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
lunedý 11 febbraio 2019

Il Direttivo Provinciale del PSI di Modena, riunitosi in data 25 Gennaio 2019 per esaminare la situazione politica in vista del Congresso Straordinario del prossimo marzo 2019 e delle Elezioni Amministrative ed Europee che si terranno nella prossima primavera, dopo ampio dibattito tra gli intervenuti


ESPRIME


un giudizio positivo e un orientamento favorevole relativamente alla proposta politica di lavorare per la costruzione degli Stati Uniti d'Europa e alla costituzione una lista “La Rosa nel Pugno” (in collaborazione con il Partito Radicale) per il prossimo appuntamento per il rinnovo del Parlamento Europeo.


Il Direttivo Provinciale di Modena

RITIENE


che tale proposta politica sia coerente con la posizione europeista e federalista che ha sempre caratterizzato la politica socialista e che essa rappresenti un passo importante e decisivo per favorire la costituzione di una rete di forze democratiche, ambientaliste e civiche necessaria per contrastare quelle forze politiche (oggi al Governo del Paese) che lavorano quotidianamente per cancellare l’idea di una società aperta, solidale, democratica e moderna e sostituirla con una società chiusa, egoista, autoritaria e retrograda, fondata sul nazionalismo etnico, sul razzismo e sul sovranismo.


Il Direttivo Provinciale

RITIENE INOLTRE OPPORTUNO


che anche per le elezioni amministrative (che riguarderanno la maggior parte dei Comuni della Provincia di Modena oltre che il Comune capoluogo) il Partito Socialista, forte di una storia di 125 anni, si ponga al centro del dibattito delle città e dei comuni chiamati al voto facendo appello a tutte quelle forze politiche e movimenti che hanno voglia di lavorare assieme per salvaguardare il senso civico e affermare il bene comune delle singole comunità.


Occorre pertanto, da subito elaborare un programma ed avviare iniziative concrete per favorire lo sviluppo di un civismo attivo e democratico capace di mobilitare nuove energie e di promuovere nuove idee in tutte le realtà locali.


Il Direttivo Provinciale del PSI di Modena invita pertanto il Partito e tutti i suoi iscritti ad avviare una fase congressuale provinciale unitaria e a predisporre un documento locale quale contributo politico per il rinnovamento del partito a livello regionale e nazionale.



Federazione Provinciale P.S.I.

Via Ippolito Nievo 136/138 – 41124 Modena

Telefono 059-34.62.17 mail: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo


 
La Segreteria Provinciale PSI afronte degli avvenimenti.... PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
sabato 26 gennaio 2019

La Segreteria Provinciale del PSI a fronte degli avvenimenti che si ripetono in San Damaso nei pressi di Italpizza, esprime piena solidarietà e assenso per l'azione dei lavoratori aderenti alla UIL. Quei lavoratori chiedono di rispettare il loro diritto al lavoro e i loro diritti in generale. Poco tempo fa con la mediazione del Prefetto fu trovato un accordo. Se ci sono inadempienze va riaperto quel tavolo non produrre azioni che creano disagi alla popolazione tutta togliendo vitalità alle eventuali richieste di rispetto dei patti.

Anche i lavoratori delle forze dell'ordine costretti a guerreggiare con altri lavoratori devono però agire secondo legge; essendo essi comandati a questo e gli scioperanti debbono rispettarli.

Il PSI invita alla responsabilità e alla discussione nel pieno rispetto dei patti democratici e delle regole.



Segreteria Provinciale PSI














Federazione Provinciale di Modena - Via Ipplito Nievo 136-138 – 41124 Modena

tel e fax 059/34.62.17 – e mail: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

www.partitosocialista.modena.it



 
Iniziativa PSI a Ricordo di Bettino Craxi ... PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
venerdý 18 gennaio 2019

Iniziativa PSI a Ricordo di Bettino Craxi a 19 anni dalla scomparsa – a seguire presentazione del libro di Mauro Del Bue “L'Unità..”

 


La Federazione Provinciale del PSI di Modena, organizza Sabato 19 Gennaio 2019 alle ore 10,30, presso la propria sede in Via Ippolito Nievo, una iniziativa a ricordo di Bettino CRAXI a 19 anni dalla sua scomparsa.

All’iniziativa interverranno la Segretaria Provinciale del PSI Graziella Giovannini, l'On. Paolo Cristoni della Direzione Nazionale PSI, Giovanni Franco Orlando del Consiglio Nazionale PSI e Mauro Del Bue della Direzione Nazionale PSI.

A seguire, Mauro Del Bue, Direttore dell'Avanti Online!, presenterà il proprio libro dal titolo “L'Unità… Storia di divisioni, scissioni, espulsioni e sconfitte della sinistra”.



 
CAUSA MALTEMPO RINVIATA INIZIATIVA PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
lunedý 17 dicembre 2018

Causa maltempo




l'incontro con l'Autore organizzato per

questa sera presso il

Teatro Guiglia in

Via Rismondo 73 a Modena


 L'Unità...”

Storia di divisioni, scissioni, espulsioni e

sconfitte della sinistra

è rinviato ad altra data


 
Iniziativa 17 Dicembre 2018 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
venerdý 14 dicembre 2018


 

LUNEDI' 17 DICEMBRE 2018

alle ore 20,30


Incontro pubblico

presso il Centro Culturale Teatro “GUIGLIA”

Via Rismondo n. 73 - Modena


con presentazione del libro

di

Mauro DEL BUE

Direttore Avanti! online

L'Unità.....”

Storia di divisioni, scissioni, espulsioni e sconfitte della sinistra italiana


Presiede: Graziella GIOVANNINI Segretaria Provinciale PSI

Ne discuteranno con l'autore , l’on. Paolo Cristoni Direzione Nazionale PSI e Paolo Ballestrazzi Direzione Nazionale PRI



I N V I T O !


 
Per noi non finisce mai il tempo dell'ascolto PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
mercoledý 28 novembre 2018


 

Per noi non finisce mai il tempo dell'ascolto e della discussione,ma è ora di una sollevazione democratica contro una serie di prese di posizione in libertà che espongono ignoranza dei fatti,malafede sopratutto con la pretesa di rappresentare il popolo. Cominciamo a parlare di immigrazione e di paure vere e presunte che vengono issate per andare sui giornali o a far gara per arrivare davanti a una cinepresa televisiva. A Modena e provincia ci sono fra 1800 e 2000 immigrati. Molti di questi con famiglie lavorano,fanno sport frequentano chiese e moschee .Molte cooperative svolgono il loro lavoro-anche piccole coop, caritas e associazione di volontariato-croce rossa-croce verde-sviluppano interventi culturali,prospettano lavoro,danno casa,coordinano servizi sanitari e sociali con risultati encomiabili per tutti. Nei nostri campi lavorano indiani,nel commercio pachistani e africani,nei ristoranti,nei servizi agroindustriali,nella distribuzione dei pacchi e nella logistica svolgono un lavoro importante che non toglie a nessuno le opportunità. Nelle università come negli istituti superiori ragazzi e ragazze ci sono. Prima domanda:pensiamo che il nostro popolo non veda e non partecipi a questa integrazione spontanea e civile.?Ci sono altri che ancora viaggiano giornalmente in giro per la città e nei paesi con telefonini accesi e biciclette scassate. Fanno paura e sono gli unici a far paura o a delinquere?Non giochiamo con le bugie .Piuttosto diciamo che la nostra società-vecchia e immalinconita chiusa in casa o in fuga ai monti e al mare,in gita a fine settimana dimentica nella fretta di farsi i soli affari propri di guardare. Dove? Davanti alle chiese o i volontari in servizio per le feste o nelle fabbriche quanta società e quanta gioventù ci crea orgoglio e ci fa dire che c'è un popolo di piagnoni-più o meno politicizzati-che nella paura sguazza e fugge dalla responsabilità-democratica e twittisce . C'è un problema di ordine pubblico,c'è la necessita di applicare leggi regolamenti severamente?Abbiamo una struttura di forze dell'ordine 'adeguata e va sostenuta nella repressione e nella punizione-magistratura. Ma quei sindaci di sinistra che inseguono la lamentela pensando di risolvere il problema con le telecamere senza equilibrare gli interventi con politiche sociali più probe e attive aiutano gli estremismi non aiutano la pace sociale. Per questo è giunta l'ora di sfidare i leghisti sul loro terreno :se intendono giocare le loro carte politiche sulla immigrazione in una provincia come la nostra non hanno molto futuro. E gli esempi di comuni dove hanno vinto sono esemplicativi. Fra gli immigrati. c'è una percentuale come fra i nostri giovani che delinque:vanno perseguiti,puniti e recuperati:è la costituzione che lo dice,non il vescovo o l'imam o il rabbino. E noi riformisti dobbiamo sfidare in campo aperto sia i leghisti che quei sindaci di centro sinistra che svegliatisi dal sonno inseguono la società dei divieti e non la società aperta e fiera delle sue leggi e delle sue libertà. Cosi si stoppa Salvini-non in quanto ministro,portatore di una prospettiva societaria-è segretario di partito-che confligge con la storia democratica. È su questo che i movimenti civici di Roma di Torino,degli studenti,delle donne propongono. Stiamo con loro senza simboli ma non rinunciando mai ai principi di vita civile che ci siamo conquistati. E dobbiamo riconquistare i nostri anziani che troppo spesso dimentica il loro dovere di continuare a dare più dimostrazione di educazione civica che di saper giocare a carte-con grande affetto e rispetto della socialità che una partita a carte può donare il pomeriggio.


                                        Paolo Cristoni