Home
Orologio
Login Form





Password dimenticata?
Menu principale
Home
Le Sezioni
Notizie
Blog
Cerca
Link
Contattaci Modena
Contattaci Pavullo
Contattaci Finale Emilia
Contattaci Mirandola
Calendario
Foto
Video
Forum
Materiale
eventi
contributi
avvisi
Sito Nazionale P.S.
Internazionale Socialista
Partito Socialista Europeo
Syndication
Contatore
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday19
mod_vvisit_counterYesterday2783
mod_vvisit_counterThis week5560
mod_vvisit_counterThis month25386
mod_vvisit_counterAll4523798
Appello di Art.1: coerenza o accanimento terapeutico? PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
mercoledì 27 luglio 2022

Appello di Articolo 1 a ricostruire il campo progressista con il Movimento 5 Stelle: coerenza o accanimento terapeutico?


Apprendiamo dalla stampa che da Modena è partita una campagna nazionale, con tanto di raccolta firme, che ha come obiettivo quello di recuperare il rapporto con il Movimento 5 Stelle nell’ambito dell’alleanza del centrosinistra.

Ovviamente ognuno è libero di spendersi come crede per affermare la propria posizione se ne è con-vinto.

Su questa vicenda però del recupero del rapporto con il Movimento 5 Stelle non possiamo non nota-re quasi una deleteria forma di accanimento terapeutico.

Non ci sorprende che i compagni di Articolo 1, con alla testa Paolo Trande, siano dispiaciuti della rottura dei rapporti con il “Movimento 5 Stelle”. È normale: sono mesi e mesi che Trande & C in ogni occasione, con testarda coerenza, hanno continuato a dire che i grillini sono parte importante ed essenziale dell’alleanza del centrosinistra (sic).

Quello che non è facilmente comprensibile è invece la convinzione, così forte da scadere anche in una forma di presunzione, che la realtà deve essere piegata ai propri desiderata.

Segnaliamo, e questo è un fatto oggettivo, difficilmente confutabile, che la fine del Governo Draghi è stata decretata dal “lungimirante” Giuseppe Conte”. Poi Salvini e Berlusconi ci hanno messo il loro carico.

Segnaliamo inoltre che si è aperto un cantiere nel centrosinistra per costruire una coalizione capace di rendere possibile quelli che molti considerano una missione impossibile: evitare che l’Italia venga governata da un centrodestra, sovranista, populista, razzista e antieuropeo.

Questo cantiere, se vuole avere una possibilità di vittoria, deve dire agli italiani alcune cose molto chiare: 1) basta con le avventure populiste sia di destra che di sinistra; 2) recupero di un’azione politica che invece di vivere di facili slogan affronti con serietà i problemi, grandi, di un Paese che vive un momento di eccezionale gravità; 3) costruire in modo solido le condizioni per un buon governo della cosa pubblica che sappia prendersi la propria responsabilità nelle scelte a volte anche impopolari, ma necessarie per la sicurezza e lo sviluppo nazionale.

Insomma, almeno per quanto ci riguarda, si può vincere (anche contro i pronostici interessati) se in-vece di cercare di mettere assieme tutto e di più, nel modo più largo possibile, si propone agli italiani un progetto credibile, basato su forze politiche coerenti e impegnate a lavorare assieme per risolvere i problemi del Paese.

Insomma, cari compagni di Articolo 1, non è colpa di Letta, né nostra o vostra se Conte e i grillini hanno scelto di mandare a casa prima del tempo l’esperienza del Governo Draghi in un momento delicato della vita del nostro Paese.

Sarebbe invece colpa del centrosinistra se si volesse coinvolgere, a dispetto degli stessi interessati, chi da una decina di anni ha promesso di rivoltare come un calzino questo Paese e le sue istituzioni, si è autoproclamato portatore di un disegno messianico promosso da un noto comico che da tempo non fa più ridere nessuno, ha proclamato l’abolizione della povertà nel nostro Paese da un balcone, ha preso voti su parole d’ordine quali “la politica deve essere fatta in streaming”, “uno vale uno” e via dicendo.

Di tutto questo, per carità … anche NO.





                                                                                   Segreteria Provinciale PSI di Modena

 
E' il tempo del NOI! PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
domenica 24 luglio 2022

COMUNICATO STAMPA

IL TEMPO DELLA SINISTRA, RIFORMISTA E PROGRESSISTA: IL TEMPO DEL NOI!

Il 25 settembre si voterà anticipatamente, questo lo si deve ad un comportamento irresponsabile e

cinico di Lega, M5S e F.I. che per interessi esclusivamente partitici hanno fatto cadere il governo

Draghi.

Dopo aver assistito ad un indegno teatrino della politica con scambio di accuse e patetiche discolpe

diventa improrogabile la realizzazione di un progetto politico da parte della Sinistra, riformista e

progressista adatto a rispondere degnamente all’esigenza del nostro Paese.

E’ il Tempo del Noi! E’ ora della buona Politica.

Trent’anni di antipolitica ha allontanato gli elettori dalle urne, il nome partito è diventato una

parolaccia a vantaggio di un populismo sfrenato e senza regole.

Occorre come sinistra, riformista e progressista ripartire dalla difesa dei beni e servizi pubblici

essenziali: Universalità del S.S.N., Scuola Pubblica, Ambiente, Lavoro e Diritti.

Dinanzi alle grandi sfide che ci attendono riteniamo imprescindibile ed improcrastinabile per la

sinistra, riformista e progressista italiana un’azione che vada ben oltre ad un semplice patto elettorale,

a favore di un progetto politico coeso ed evoluto.

Nella consapevolezza che il nuovo percorso politico non potrà che nascere dall’incontro tra

esperienze e tradizioni diverse, tutte le forze politiche dovranno certamente trovare le chiavi di volta

per definire il perimetro del tragitto da fare insieme.

La culla “ideologica” di riferimento non potrà che essere la grande famiglia europea del PSE.

Noi socialisti, come sempre, con il nostro bagaglio di esperienza, identità, storia e prospettiva ci

saremo, pronti a sostenere, ad intraprendere questo viaggio insieme a chi vorrà esserci, certi di un

fatto: e’ il tempo della sinistra, riformista e progressista.

E’ il Tempo del NOI!

                                                                                                                      Il Segretario regionale

                                                                                                                           Marco Strada

Par�to Socialista Italiano – Via della Repubblica 38, 40068, San Lazzaro di Savena (BO) – CF: 92040410372 Tel: +393801763287

Mail: info@par�tosocialistabologna.it –PEC: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo Sito Web: www.par�tosocialistabologna.

 
La scomparsa di Gian Franco Venturelli PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
sabato 23 luglio 2022

La scomparsa di Gianfranco Venturelli ci coglie tutti impreparati in questo caldo luglio modenese.

Gianfranco era uno di quei compagni che, con discrezione, pacatezza e serietà non faceva mai mancare il suo contributo. Metteva a disposizione le competenze acquisite in tanti anni di militanza nel mondo del lavoro e del sindacato con generosità e senza nulla pretendere se non il riconoscimento di essere parte di una storia, quella socialista, a cui è stato sempre legato anche quando il Partito, a Modena come altrove, è stato ridotto ai minimi termini.

Ha sempre mantenuto un filo continuo con il socialisti, ovunque essi fossero posizionati, nel PSI o altrove, rispettando le scelte di ognuno e evitando le polemiche.

Una persona per bene, che verrà sempre ricordata dai socialisti modenesi con affetto.



 

                                         Segreteria Provinciale PSI di Modena


 
PROGRAMMA CONGRESSO NAZIONALE PSI PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
giovedì 14 luglio 2022

E' il tempo del NOI

15-16-17 luglio 2022

AUDITORIUM ANTONIANUM

VIALE MANZONI 1 - ROMA

CONGRESSO NAZIONALE PSI

IL PROGRAMMA

  •  

“E’ il tempo del noi”, è lo slogan scelto dal Psi per celebrare il Congresso nazionale che rinnoverà i vertici del partito e che vede come unico candidato, con la mozione ‘Una grande storia per ripensare il futuro’, il segretario del Psi Enzo Maraio.

Il Congresso si terrà dal 15 al 17 luglio a Roma, presso l’Auditorium Antonianum (Viale Manzoni 1) e vedrà partecipazione di tutti i leader del centrosinistra.

di seguito il Programma*

Venerdì 15 Luglio

Ore 15:30
Apertura Congresso
Insediamento dell’Ufficio di presidenza, della Segreteria del Congresso, della Commissione verifica poteri e della Commissione per le risoluzioni politiche.

Ore 15:45
Relazione del Segretario Nazionale del Psi, Vincenzo Maraio

Ore 16:30
Sono previsti gli interventi di:
Roberto Speranza, Segretario di Articolo Uno
Carlo Calenda, Segretario di Azione
Bruno Tabacci, Presidente di Centro Democratico
Stefania Craxi, Presidente della Commissione Esteri Senato
Nicola Fratoianni, Segretario di Sinistra Italiana
Angelo Bonelli, Co- Portavoce di Europa Verde
Roberto Gualtieri, Sindaco di Roma
Massimiliano Iervolino, Segretario Radicali Italiani
Corrado De Rinaldis Saponaro, Segretario PRI
Stefano Caldoro, Presidente NPSI

Luigi Di Maio, Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale;

Dibattito congressuale

Sabato 16 Luglio
Dalle ore 9
Dibattito Congressuale

Video messaggi del Presidente del Pse, Sergei Stanishev; del Presidente del gruppo parlamentare europeo “S&D”, Iratxe Garcia; del Presidente dell’Internazionale Socialista, Giorgos Papandreou; del Segretario Generale della Uil, PierPaolo Bombardieri.

Sono previsti gli interventi di:
Enrico Letta, Segretario Partito Democratico;
Andrea Cuccello, Segretario Confederale Cisl;
Christian Ferrari, Segretario Confederale CGIL;
Benedetto Della Vedova, Segretario di Più Europa;
Ettore Rosato, Presidente di Italia Viva;
Luis Ayala, Segretario Generale dell’Internazionale Socialista.

Domenica 17 luglio
Ore 9
Dibattito Congressuale

Previsto l’intervento di Brando Benifei, Capo della delegazione italiana al gruppo Parlamentare europeo “S&D”

Ore 13
Elezione del segretario nazionale, approvazione, votazione Odg, elezione di Consiglio nazionale, della Commissione nazionale di garanzia e del Collegio revisori dei conti.

*il programma può subire modifiche.


 
ASSEMBLEA CONGRESSUALE PROVINCIALE PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
sabato 02 luglio 2022


- A tuttigli iscritti al PSI

Federazione di Modena

- Agli invitati


LL.SS.

Cara/o Compagna/o,

con la presente, ti comunico che l'Assemblea Congressuale Provinciale degli iscritti per l'elezione dei delegati al Congresso Nazionale che avrà luogo a Roma nei giorni 15, 16 e 17 Luglio p.v., si svolgerà


SABATO 9 LUGLIO 2022 alle ore 10,30

presso il Centro Culturale “Teatro Guiglia”

Via Franceso Rismondo, n° 73 –Modena


Ore 10,30 Insediamento Commissione Congressuale


Presiede i lavori Paolo Cristoni(già Deputato del PSI di Modena)


Ore 10,40 Relazione introduttiva di Graziella Giovannini(Segretaria Provinciale PSIdi Modena).


Ore 10.50 Presentazione della Mozione Congressualeper la candidatura di Enzo Maraio“UNAGRANDE STORIA PER RIPENSARE IL FUTURO”da parte di Orlando Giovanni Franco (Consiglio Nazionale PSI)


Ore 11,10 Interventi e dibattito


Gli iscritti aventi diritto al voto, al termine del dibattito (previsto per le ore 12.00), saranno chiamati a svolgere i seguenti adempimenti congressuali:


1) Voto della Mozione Congressuale;

2) Elezione dei Delegati al Congresso Nazionale spettanti alla Federazione di Modena (n° 2);

3) Nomina del membro del Consiglio Nazionale su base territoriale (n° 1);

4) Elezione dei delegati al Congresso regionale previsto a ottobre/novembre 2022 (n° 4).


Si fa presente che il testo della Mozione Congressuale potrà essere consultato sul sito ufficiale del Partito Socialista Italiano: (www.partitosocialista.it)

Data l'importanza degli adempimenti previsti, ti invito a partecipare attivamente portando il tuo contributo.

Cordiali saluti



La Segretaria Provinciale PSI

Graziella Giovannini





Federazione Provinciale P.S.I.

Via Parini n.50 –41124 Modena

Telefono 059-34.62.17 mail: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo


 
“L'IMPRONTA: I Parlamentari Socialisti dal 1983 a oggi” PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
sabato 18 giugno 2022

L'IMPRONTA: I Parlamentari Socialisti dal 1983 a oggi”


Oggi al Senato è stato presentato il magnifico volume sui parlamentari dal 1983 al 2022.
Mauro Del Bue e la Prof. Giuliana Lusuardi hanno impegnato tre anni di lavoro e hanno contribuito a ricordare, contro ogni avversione il contributo dei socialisti nel parlamento, nel paese, nella economia e nella società.
Nel merito è tutto evidente: leggi, iniziative politiche e sociali, lotte nel e per il mondo le lavoro, azioni perché nessuno venisse discriminato così come le azioni per sostenere il nuovo mondo che si affacciava, contro guerre e per la pace, per l' Europa dei popoli i documenti sono perfettamente visibili a tutti aldilà di ogni contraffazione.
Sono stato con orgoglio e impegno fra quei deputati e ho svolto il mio compito con presenza attiva e con leggi ancora in vigore.
Coi ringraziamenti a chi ha scritto, Mauro e Giuliana contando 55 anni di tessere dalla prima a diciotto anni, mi permetto alcune valutazioni rivolte a tutti quei colleghi, ancora viventi e a me compreso.
Il PSI compie 130 anni e noi abbiamo fatto tutto il possibile per difenderlo o spesso abbiamo seguito la linea del disimpegno, della ricerca della ragione personale, autoreferenza culturale-io ho detto e gli altri non mi hanno seguito?
Una seconda domanda riguarda il lavoro di base, nelle sezioni che ancora esistono in mano e in affetto a coloro che definisco- eroi con la bandiera-ma nelle quali di andare a prendere la tessera, dare aiuto morale materiale, evitare l' invecchiamento portando qualche giovane fortunatamente disponibile ad interessarsi di storia o di battaglie sindacali e un lavoro che pochi svolgono con felicità. ? Vi ricordate quanti attratti dal sottogoverno inondavano le nostre segreterie? Non è vetero romanticismo né azione da lavoratori di base: più uno è colto e porta dentro di sé esperienza e sapere più deve incontrare la propria gente.
Ognuno porti la sua croce critica, ma vale la pena pensare che oggi abbiamo in corso la ricostruzione, un segretario che percorre L'Italia e l'Europa che va aiutato, qualche volta applaudito e che nelle federazione deve trovare noi della storia a lavorare umilmente, politicamente e culturalmente.
Nel sindacato, nella cooperazione nel terzo settore, nel servizio civile c è tanta gente a cui va ridata la chiave delle sezioni. Si può dire che il grande fiume, seppure in secca ha ripreso a muovere le acque e non si deve rincorrere gli affluenti che possono ritornare a confluire.
Un po' di quella umiltà politica che cerca e trova nella identità la sintesi delle varie proposte personali, professionali e culturali.
Il libro, l'impronta è la fotografia nella quale si trova la nuova forza dell'unità socialista, per noi è per riattrarre il movimento della sinistra sociale, riformatrice e democratica. Se non cogliamo questi momenti il libro troverà lo spazio nelle biblioteche verso cui nessun professore manderà un allievo.
                                                                                      Paolo Cristoni
                                                 già Deputato, Sindaco e Segretario di Federazione
16 Giugno 2022
 
5 SI per una Giustizia più Giusta PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
giovedì 09 giugno 2022

                  CINQUE SI’ PER UNA GIUSTIZIA PIU’ GIUSTA

Le Segreterie Provinciali di PSI e PRI di Modena hanno tenuto assieme una conferenza stampa per ribadire, a pochi giorni dell’appuntamento referendario del 12 giugno, l’importanza di dare un segnale forte per migliorare l’amministrazione della giustizia nel nostro Paese.

Erano presenti per il PSI, la Segretaria Provinciale Graziella Giovannini, Giovanni Franco Orlando, Paolo Cristoni e Giuseppe Guberti e per il PRI modenese Paolo Balestrazzi.

 

PSI e PRI di Modena fanno un appello alle cittadine e ai cittadini modenesi a recarsi alle urne per esprimere validamente il proprio voto, indipendentemente dall’opinione sui singoli quesiti referendari.

È importante che il quorum venga raggiunto perché così, al di là del risultato, il nostro Parlamento possa accelerare una riforma della giustizia che non può più attendere.

Chi auspica e si sta impegnando anche in queste ultime ore per un fallimento della partecipazione popolare ai referendum, minimizzando la portata dei quesiti proposti, sottolineandone strumentalmente la tecnicalità e parlando di “benaltrismo”, vuole lasciare che la giustizia rimanga quella che è oggi: una giustizia, purtroppo, inadeguata, ingiusta, minata dalle correnti, in disastroso calo di credibilità, irresponsabile e prevaricante.

I socialisti e i repubblicani vogliono invece una giustizia responsabile, credibile, funzionante, rispettosa delle prerogative dei cittadini onesti, autonoma ma rispettosa degli ambiti costituzionali e non sostitutiva degli altri poteri dello Stato.

Questi referendum vanno verso questa direzione e perciò vanno sostenuti e non boicottati.


                                                                                             Ufficio Stampa PSI e PRI di Modena

 
I socialisti di Finale Emilia salutano il Presidente Sergio Mattarella. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
giovedì 19 maggio 2022

BENTORNATO PRESIDENTE!

I socialisti di Finale Emilia salutano il Presidente Sergio Mattarella.


Sono ormai passati dieci anni dal tragico e catastrofico sisma che colpì diversi Comuni della “Bassa Modenese”:

Era il 20 maggio del 2012: molti edifici pubblici e privati, case e capannoni, chiese e laboratori, furono in un attimo distrutti o gravemente lesionati; 28 persone persero la vita sotto le macerie e ci furono tantissimi feriti.


Il Comune di Finale Emilia fu uno dei Comuni più colpiti da quel tragico evento e l'immagine della “Torre dell'Orologio” spaccata a metà è ancora oggi ben viva nella mente di tutti i finalesi (e non solo) quale simbolo di una esperienza devastante.


A distanza di dieci anni, molto, grazie all’impegno di tutti, è stato ricostruito: molte aziende hanno riaperto, tante case sono state ricostruite, molte scuole sono state riaperte.

Ma, nonostante l’impegno non sia mai venuto meno, molto c’è ancora da fare per sanare quella gigantesca cicatrice.


La presenza nelle nostre terre del Presidente della Repubblica, che ha voluto ritornare tra noi, onora la nostra comunità e ci aiuta a continuare a credere che non siamo soli davanti alle disgrazie.



                                                                                                               PSI di Finale Emilia



Ultimo aggiornamento ( giovedì 19 maggio 2022 )