Home
Orologio
Login Form





Password dimenticata?
Menu principale
Home
Le Sezioni
Notizie
Blog
Cerca
Link
Contattaci Modena
Contattaci Pavullo
Contattaci Finale Emilia
Contattaci Mirandola
Calendario
Foto
Video
Forum
Materiale
eventi
contributi
avvisi
Sito Nazionale P.S.
Internazionale Socialista
Partito Socialista Europeo
Syndication
Contatore
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday1103
mod_vvisit_counterYesterday1974
mod_vvisit_counterThis week3077
mod_vvisit_counterThis month32577
mod_vvisit_counterAll1832477
CAUSA MALTEMPO RINVIATA INIZIATIVA PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
lunedý 17 dicembre 2018

Causa maltempo




l'incontro con l'Autore organizzato per

questa sera presso il

Teatro Guiglia in

Via Rismondo 73 a Modena


 L'Unità...”

Storia di divisioni, scissioni, espulsioni e

sconfitte della sinistra

è rinviato ad altra data


 
Iniziativa 17 Dicembre 2018 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
venerdý 14 dicembre 2018


 

LUNEDI' 17 DICEMBRE 2018

alle ore 20,30


Incontro pubblico

presso il Centro Culturale Teatro “GUIGLIA”

Via Rismondo n. 73 - Modena


con presentazione del libro

di

Mauro DEL BUE

Direttore Avanti! online

L'Unità.....”

Storia di divisioni, scissioni, espulsioni e sconfitte della sinistra italiana


Presiede: Graziella GIOVANNINI Segretaria Provinciale PSI

Ne discuteranno con l'autore , l’on. Paolo Cristoni Direzione Nazionale PSI e Paolo Ballestrazzi Direzione Nazionale PRI



I N V I T O !


 
Per noi non finisce mai il tempo dell'ascolto PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
mercoledý 28 novembre 2018


 

Per noi non finisce mai il tempo dell'ascolto e della discussione,ma è ora di una sollevazione democratica contro una serie di prese di posizione in libertà che espongono ignoranza dei fatti,malafede sopratutto con la pretesa di rappresentare il popolo. Cominciamo a parlare di immigrazione e di paure vere e presunte che vengono issate per andare sui giornali o a far gara per arrivare davanti a una cinepresa televisiva. A Modena e provincia ci sono fra 1800 e 2000 immigrati. Molti di questi con famiglie lavorano,fanno sport frequentano chiese e moschee .Molte cooperative svolgono il loro lavoro-anche piccole coop, caritas e associazione di volontariato-croce rossa-croce verde-sviluppano interventi culturali,prospettano lavoro,danno casa,coordinano servizi sanitari e sociali con risultati encomiabili per tutti. Nei nostri campi lavorano indiani,nel commercio pachistani e africani,nei ristoranti,nei servizi agroindustriali,nella distribuzione dei pacchi e nella logistica svolgono un lavoro importante che non toglie a nessuno le opportunità. Nelle università come negli istituti superiori ragazzi e ragazze ci sono. Prima domanda:pensiamo che il nostro popolo non veda e non partecipi a questa integrazione spontanea e civile.?Ci sono altri che ancora viaggiano giornalmente in giro per la città e nei paesi con telefonini accesi e biciclette scassate. Fanno paura e sono gli unici a far paura o a delinquere?Non giochiamo con le bugie .Piuttosto diciamo che la nostra società-vecchia e immalinconita chiusa in casa o in fuga ai monti e al mare,in gita a fine settimana dimentica nella fretta di farsi i soli affari propri di guardare. Dove? Davanti alle chiese o i volontari in servizio per le feste o nelle fabbriche quanta società e quanta gioventù ci crea orgoglio e ci fa dire che c'è un popolo di piagnoni-più o meno politicizzati-che nella paura sguazza e fugge dalla responsabilità-democratica e twittisce . C'è un problema di ordine pubblico,c'è la necessita di applicare leggi regolamenti severamente?Abbiamo una struttura di forze dell'ordine 'adeguata e va sostenuta nella repressione e nella punizione-magistratura. Ma quei sindaci di sinistra che inseguono la lamentela pensando di risolvere il problema con le telecamere senza equilibrare gli interventi con politiche sociali più probe e attive aiutano gli estremismi non aiutano la pace sociale. Per questo è giunta l'ora di sfidare i leghisti sul loro terreno :se intendono giocare le loro carte politiche sulla immigrazione in una provincia come la nostra non hanno molto futuro. E gli esempi di comuni dove hanno vinto sono esemplicativi. Fra gli immigrati. c'è una percentuale come fra i nostri giovani che delinque:vanno perseguiti,puniti e recuperati:è la costituzione che lo dice,non il vescovo o l'imam o il rabbino. E noi riformisti dobbiamo sfidare in campo aperto sia i leghisti che quei sindaci di centro sinistra che svegliatisi dal sonno inseguono la società dei divieti e non la società aperta e fiera delle sue leggi e delle sue libertà. Cosi si stoppa Salvini-non in quanto ministro,portatore di una prospettiva societaria-è segretario di partito-che confligge con la storia democratica. È su questo che i movimenti civici di Roma di Torino,degli studenti,delle donne propongono. Stiamo con loro senza simboli ma non rinunciando mai ai principi di vita civile che ci siamo conquistati. E dobbiamo riconquistare i nostri anziani che troppo spesso dimentica il loro dovere di continuare a dare più dimostrazione di educazione civica che di saper giocare a carte-con grande affetto e rispetto della socialità che una partita a carte può donare il pomeriggio.


                                        Paolo Cristoni








 
Sono passati 50 anni dal'68......... PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
mercoledý 07 novembre 2018

    Partito Socialista Italiano                 Associazione Culturale

   Via Ippolito Nievo 136 – Modena                    ”Gregorio Agnini”



Sabato 10 Novembre2018 ore 10,30

Via Ippolito Nievo n 136/A – 138 - Modena

Incontro pubblico

sul tema:

Sono passati 50 anni dal'68: qualcosa è rimasto?”


con presentazione del romanzo di

Mauro CORTELLONI

QUALCOSA E' RIMASTO”


NEL FERVORE DEL'68 ILLUSIONE E TORMENTO NELLA STORIA DI UN GRUPPO DI AMICI

(Edizioni Il Fiorino)


Ne discuteranno con l’Autore, Alberto BERGAMINI,

Giovanni Franco ORLANDO, Prof.Piero GUERZONI, Enrico CORSINI




E' il 1962, un ragazzino di dieci anni ha appena sostenuto l'esame di quinta elementare. Tutto lascia supporre che la sua vita, come quella di suo padre e di suo nonno, si svolgerà tra i campi e la stalla in un piccolo paese delle montagne italiane. Inaspettate vicende lo portano poi a trasferirsi in città entrando in contatto con l'effervescenza dei movimenti studenteschi del 1968. Assieme ai suoi amici viene trascinato dagli eventi in un'avventura che, attraverso contraddizioni e conflitti sociali tipici di quel periodo, si conclude in una Parigi che sconta una sorta di restaurazione post maggio sessantotto. Si intravede in questa storia l'adolescenza imporsi come categoria sociale, mutando per sempre il rapporto col mondo adulto.


I N V I T O


 
Non siamo pi¨ disponibili........ PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
mercoledý 31 ottobre 2018

Con tutto rispetto per il dibattito in corso nella città fra fazioni, partiti, gruppi di pressione, comitati amici per interessi, liste civiche, congressi di associazioni e sindacati a noi sembra che due problemi sono ignorati e che meritano l'attenzione della città e dei partiti:


  1. la situazione politica e di governo nazionali

  2. l'Europa dei popoli e l'importanza che ha sul futuro anche delle singole nazioni piccole rispetto ai giganti internazionali quali USA, Russia e Cina, oltre a India ed altri Paesi di grandi dimensioni.


In modo molto sintetico partiamo dal punto due e da quanto tutti hanno visto qualche giorno fa in diretta mondiale, con tanto di video e foto: un deputato leghista calpesta con le scarpe “Italiane” i fogli utilizzati dal Commissario europeo Moscovici per presentare le valutazioni, negative, della Commissione Europea sul DEF del Governo Italiano.

Una reazione stupida e inutile a problemi invece seri che indeboliscono sia l'Italia che l'Europa.

L'Europa dei popoli che abbiamo contribuito a costruire e che noi vogliamo non è fatta di miope arroganza e di fredda burocrazia: noi siamo per un'Europa partecipata dai cittadini in cui le burocrazie tecniche applichino le politiche e in cui la politica, non la stolta demagogia, la faccia da padrona.

Possibile che Modena “città europea” per antonomasia non insorga contro comici e populisti che si rendono ridicoli e politicamente schiavi di Putin?

L'Europa è e rimane l'unica garanzia per il benessere e la pace: da solo, qualsiasi singolo Stato del continente europeo (compresa la stessa Germania), sarebbe una semplice pedina in balia dei grandi gruppi internazionali e finanziari che già oggi agiscono con inaudita prepotenza e invadenza.

Solo una Europa unita e forte può permetterci di stare seduti al tavolo politico e di farci rispettare.

Questa è l'essenza risolutiva e non è il tentativo di sfuggire ai problemi locali

La nostra situazione nazionale è precaria, tormentata fra tendenze fascistoidi e impreparazione assoluta, se non ignoranza, di qualsiasi principio di cultura di governo.

E tutto questo non può non avere pesanti ricadute anche nel livello locale modenese strettamente inserito (per cultura, economia e peso specifico) nel contesto regionale, nazionale e internazionale.

Tutte le questioni e i problemi che ci troviamo e ci troveremo ad affrontare nei prossimi anni possono trovare una soluzione solo se esiste un rapporto corretto fra le istituzioni modenesi, la Regione e il Governo centrale in un contesto di un programma economico sostenuto dall'Europa.

Qualche esempio:

Ambiente, energia, sanità, scuola e università, socialità e lavoro ai giovani, casa e infrastrutture.

Senza un'azione coordinata e coesa non si può ottenere nessun risultato effettivo.

Bene i comitati, gli appelli, gli ordini del giorno, ma l'odio, la contrapposizione e la preparazione delle elezioni amministrative ed europee come una guerra “per mandare a casa qualcuno”non dà frutti ma scredita e abbassa, fino quasi ad azzerarlo, lo stesso senso delle Istituzioni.

Ogni atto di partecipazione democratica diventa una promessa di contrapposizione e non di unità civica per la risoluzione dei problemi.

Noi socialisti, piccolo partito ma con la storia nel cuore e nella mente, facciamo un appello ai partiti e ai movimenti perché ritorni il senso civico, la voglia di dialogo, anche in dissenso, ma che contenga l'idea centrale del bene comune.

Noi, mentre diamo la nostra disponibilità a dare un contributo in tal senso, stiamo avviando un Congresso Nazionale per cambiare Segretario e lanciare una nuova generazione di dirigenti.

Questo come processo democratico indispensabile per continuare ad esercitare con responsabilità il ruolo che, in quanto partito, ci assegna la Costituzione.

A Modena per noi, e lo abbiamo già scritto, esiste il “sinistra-sinistra-centro” e non il “centrosinistra”, né quello originario (costruito da Nenni e Moro) né quell'alleanza democratica in cui la sinistra veramente pluralista aveva il compito di scrivere una pagina nuova nella storia a Modena e in Italia.

Non ci attardiamo in questo articolo a tracciare i difetti, ma ribadiamo la nostra indisponibilità a continuare sul metodo politico che non regge più.

Noi pensiamo che il civismo attivo e democratico possa avere energie e idee in grado di fare da mallevatore del futuro della politica e delle istituzioni.

Ricominciamo quindi dai Comuni, come comunità di base, coesa, immediata, capace di conoscere e confrontarsi con i problemi reali e in grado di cercare le soluzioni senza fare demagogia.

Noi pensiamo a un programma e a iniziative politiche che costruiscano un manifesto che vada oltre il PD attuale, senza più anima e spinta innovativa.

Anche a Modena non c'è più senso di unità, c'è arroganza e presunzione, incapacità di tenere collegate storie e futuro di una comunità matura, laboriosa e indipendente che pensiamo meriti di essere rappresentata al meglio.

Non siamo più disponibili a vecchie liturgie, ormai obsolete ed inutili. Il nostro appello è rivolto ai modenesi e alle persone che vogliono il bene delle nostre città, sia nel capoluogo che in provincia; un appello libero, aperto e pronto a trovare soluzioni civiche adeguate.

Non vogliamo confusione né rotture con la storia, ma siamo pronti ad un confronto e a un dialogo fecondi senza sottintesi, limiti ideologici o premesse di potere e di rappresentanza.

La nostra ultima storia recente ci ha insegnato a produrre idee, metterle a disposizione della collettività anche fuori dai Consigli Comunali.

Il nostro unico riferimento è la carta Costituzionale, la lotta ai fascismi più o meno mascherati, al populismo che semina odio e conflitto fra le Istituzioni e le persone.

Sulla base di questa impostazione la nostra Federazione è disponibile a confrontarsi .




                                                                  Graziella Giovannini

                                                             Segretaria Provinciale PSI












Federazione Provinciale P.S.I.

Via Ippolito Nievo 136/138 – 41124 Modena

Telefono 059-34.62.17 mail: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo


 
INCONTRO PUBBLICO PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
mercoledý 03 ottobre 2018

Partito Socialista Italiano

Via Ippolito Nievo 136 – Modena


Sabato 6 ottobre 2018

alle ore 10,30


RIVOLUZIO e SPERANZA”


Incontro pubblico

sul tema:

L’Italia che fu, che è e che forse sarà”


con presentazione del romanzo storico di

Nunzia Manicardi

 

Rivoluzio e Speranza”


ispirato alla vita dell’anarco-sindacalista modenese Rivoluzio Gilioli (1903-1937)

(Edizioni Il Fiorino)


Interverranno l’Autrice, l’on. Paolo Cristoni e altri esponenti della storia

sociale e politica modenese


Musiche per fisarmonica

 


La vicenda narrata da Nunzia Manicardi si svolge tra il 1901 e il 1920 nel contesto corale delle imponenti lotte socio-politiche dell’Italia di allora in una doppia ambientazione: le campagne della Bassa Modenese e Ferrarese della Grande Bonifica e la realtà operaia delle fabbriche di Modena e, in particolare, della Regia Manifattura Tabacchi.

L’Autrice ricostruisce con assoluta fedeltà storica e rigore documentario e fa rivivere anche nei minimi dettagli, con profonda partecipazione, un mondo che oggi appare perduto per sempre ma che, per quanto riguarda le istanze sociali, è ancora quanto mai di attualità.


 
SERVE UN CAMBIAMENTO VERO PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
venerdý 31 agosto 2018

Si è aperta anche a Modena la stagione politica con l'avvio della festa del PD e dobbiamo constatare che quello che emerge è … il vuoto !

Con tutto quello che succede in Italia nella società, nei partiti, nella chiesa e nell'economia assistiamo in quel partito a sterili pulsioni a conte interne con la ricerca di dialoghi con la LEGA piuttosto che il “Movimento Cinque Stelle” o “LEU”.

Con il rispetto che portiamo con tutti i volontari di ogni festa siamo alla frutta politica e al dissolvimento di ogni disegno di futuro degno di nota.

L'unico assoluto degno di nota è la lettera del Sindaco: lettera piena di dignità e di passione ma anche di un inascoltato sussulto da navigato politico.

Noi iniziamo col dire che, non essendo da tempo invitati ad alcun confronto e non ricevendo nessuna considerazione politica dall’attuale Segreteria del PD, a Modena non c'è nessun “Centro-sinistra”.

Né “ex comunisti” né “già democristiani” dialogano con una sinistra che non rappresenta né la città né può contribuire a sbarrare il passo alla destra sovranista. Né tantomeno dialogano con altre forze che possono dare un proprio contributo.

Basti guardare al 4 marzo per capire che il “pd-pci-dc”, dove governa da solo e calpesta sia i riformisti che il civismo, viene sbaragliato.

Noi abbiamo aperto un dibattito per costruire una diga repubblicana alla destra ma con questo partito modenese non ci sono rapporti né intendiamo dare ad esso il nostro apporto.

Il civismo è la nuova frontiera con cui portare avanti la nostra battaglia di principi democratici e riformisti.

Se il Sindaco Muzzarelli penserà ad una sua lista si vedrà; ma non ci iscriveremo più ad alleanze cosiddette unitarie per i soliti noti miranti a conservare i loro potere escludendo quanti si sono impegnati a dare il loro contributo.

Serve un cambiamento vero !

Intanto invitiamo tutti i socialisti persi in mille rivoli che possono tornare alla loro casa in cui si dibatte, ci si scontra ma c'è rispetto.

Dalle prossime settimane riprenderemo la nostra autonoma funzione politica invitando tutti i movimenti civici presenti nella realtà modenese ad un incontro provinciale.


La Segretaria Provinciale PSI

       Graziella Giovannini



Federazione Provinciale P.S.I.

Via Ippolito Nievo 136/138 – 41124 Modena

Telefono 059-34.62.17 mail: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 
FESTA NAZIONALE dell' AVANTI! PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
mercoledý 01 agosto 2018

 

FESTA NAZIONALE dell' AVANTI!

 


Quest'anno si terrà a Caserta, il 14 – 15 – 16 Settembre, la FESTA NAZIONALE DELL'AVANTI!

Sono stati invitati leaders ed esponenti di partiti e movimenti politici di governo e dell'opposizione. Con un obiettivo: dare il nostro contributo nella costruzione di una seria e credibile alternativa di governo.

Perchè l'Italia riprenda il suo posto in Europa, perchè si abbandoni una politica estera filorussa, perchè i tanti investimenti in infrastrutture non vengano interrotti, perchè si arresti un pericoloso antiparlamentarismo e i valori di libertà e di civiltà non vengano sopraffatti.

Verrà presentata a Caserta la nuova veste dell'Avanti ! On line: più grintosa, arricchita da un numero maggiore di notizie, aperta ai contributi del territorio.

Si potranno a breve trovare tutte le informazioni sul sito: www.partitosocialista.it