Home
Orologio
Login Form





Password dimenticata?
Menu principale
Home
Le Sezioni
Notizie
Blog
Cerca
Link
Contattaci Modena
Contattaci Pavullo
Contattaci Finale Emilia
Contattaci Mirandola
Calendario
Foto
Video
Forum
Materiale
eventi
contributi
avvisi
Sito Nazionale P.S.
Internazionale Socialista
Partito Socialista Europeo
Syndication
Contatore
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday1540
mod_vvisit_counterYesterday2151
mod_vvisit_counterThis week7815
mod_vvisit_counterThis month31213
mod_vvisit_counterAll1673701
SERVE UN CAMBIAMENTO VERO PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
venerdì 31 agosto 2018

Si è aperta anche a Modena la stagione politica con l'avvio della festa del PD e dobbiamo constatare che quello che emerge è … il vuoto !

Con tutto quello che succede in Italia nella società, nei partiti, nella chiesa e nell'economia assistiamo in quel partito a sterili pulsioni a conte interne con la ricerca di dialoghi con la LEGA piuttosto che il “Movimento Cinque Stelle” o “LEU”.

Con il rispetto che portiamo con tutti i volontari di ogni festa siamo alla frutta politica e al dissolvimento di ogni disegno di futuro degno di nota.

L'unico assoluto degno di nota è la lettera del Sindaco: lettera piena di dignità e di passione ma anche di un inascoltato sussulto da navigato politico.

Noi iniziamo col dire che, non essendo da tempo invitati ad alcun confronto e non ricevendo nessuna considerazione politica dall’attuale Segreteria del PD, a Modena non c'è nessun “Centro-sinistra”.

Né “ex comunisti” né “già democristiani” dialogano con una sinistra che non rappresenta né la città né può contribuire a sbarrare il passo alla destra sovranista. Né tantomeno dialogano con altre forze che possono dare un proprio contributo.

Basti guardare al 4 marzo per capire che il “pd-pci-dc”, dove governa da solo e calpesta sia i riformisti che il civismo, viene sbaragliato.

Noi abbiamo aperto un dibattito per costruire una diga repubblicana alla destra ma con questo partito modenese non ci sono rapporti né intendiamo dare ad esso il nostro apporto.

Il civismo è la nuova frontiera con cui portare avanti la nostra battaglia di principi democratici e riformisti.

Se il Sindaco Muzzarelli penserà ad una sua lista si vedrà; ma non ci iscriveremo più ad alleanze cosiddette unitarie per i soliti noti miranti a conservare i loro potere escludendo quanti si sono impegnati a dare il loro contributo.

Serve un cambiamento vero !

Intanto invitiamo tutti i socialisti persi in mille rivoli che possono tornare alla loro casa in cui si dibatte, ci si scontra ma c'è rispetto.

Dalle prossime settimane riprenderemo la nostra autonoma funzione politica invitando tutti i movimenti civici presenti nella realtà modenese ad un incontro provinciale.


La Segretaria Provinciale PSI

       Graziella Giovannini



Federazione Provinciale P.S.I.

Via Ippolito Nievo 136/138 – 41124 Modena

Telefono 059-34.62.17 mail: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 
FESTA NAZIONALE dell' AVANTI! PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
mercoledì 01 agosto 2018

 

FESTA NAZIONALE dell' AVANTI!

 


Quest'anno si terrà a Caserta, il 14 – 15 – 16 Settembre, la FESTA NAZIONALE DELL'AVANTI!

Sono stati invitati leaders ed esponenti di partiti e movimenti politici di governo e dell'opposizione. Con un obiettivo: dare il nostro contributo nella costruzione di una seria e credibile alternativa di governo.

Perchè l'Italia riprenda il suo posto in Europa, perchè si abbandoni una politica estera filorussa, perchè i tanti investimenti in infrastrutture non vengano interrotti, perchè si arresti un pericoloso antiparlamentarismo e i valori di libertà e di civiltà non vengano sopraffatti.

Verrà presentata a Caserta la nuova veste dell'Avanti ! On line: più grintosa, arricchita da un numero maggiore di notizie, aperta ai contributi del territorio.

Si potranno a breve trovare tutte le informazioni sul sito: www.partitosocialista.it


 
QUATTRO PROPOSTE PER L'ITALIA DI DOMANI PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
mercoledì 01 agosto 2018

QUATTRO PROPOSTE PER L'ITALIA DI DOMANI


Lo scorso 24 Luglio, presso la sala stampa della Camera dei Deputati, il PSI ha presentato quattro disegni di Legge rivolti principalmente alle nuove generazioni.


Le proposte riguardano, in particolare:


1)l'estensione del “diritto di voto ai sedicenni per le elezioni amministrative e regionali”, attraverso la modifica dell'art.48 della Costituzione e del conseguente Testo unico sull'elettorato attivo;


2)l'incremento del “Fondo nazionale per il sistema integrato dei servizi di educazione e di istruzione dalla nascita sino a sei anni”, mediante riutilizzo di somme già previste per la c.d. “carta elettronica”;


3)l'introduzione di misure a “sostegno degli studenti capaci e meritevoli ma privi di mezzi economici”, mediante l'incremento del Fondo integrativo statale per la concessione di borse di studio (“bonus cultura”)


4) la ricostituzione del “Fondo nazionale per il sostegno agli affitti di abitazioni “da parte di giovani, pensionati al minimo, famiglie monoreddito o che affrontano situazioni di disabilità e disagio economico, da finanziare con rimodulazione del capitolo di bilancio previsto per il “bonus cultura”.


Sul sito internet del partito potete trovare le sintesi dei singoli provvedimenti al seguente link: www.partitosocialista.it


 
Sanità pubblica e privata PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
mercoledì 01 agosto 2018

Sanità pubblica e privata

Non si può dire che in Italia siano stati posti ostacoli alle attività private......anzi negli ultimi tempi il giro di affari della sanità privata ha raggiunto circa il 40 % del costo del sistema pubblico.

Il sistema non regge ed abbiamo milioni di casi di “ rinuncia alla cura per motivi economici e finanziari “

Proprio l’altro giorno c’è stato un segnale preoccupante che viene dall’Emilia Romagna.

L’Assemblea Regionale ha approvato una norma che consente il finanziamento a strutture sanitarie private accreditate che si impegnano a fare ricerca , quindi di fatto rientrano nella regole e normativa degli Istituti di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico ( IRCCS).

I soldi sono pochi, la sanità pubblica soffre e di conseguenza ci rimettono i cittadini......questo non può essere consentito, la ricerca è d’obbligo e rientra nell’accreditamento......la via facile all’accreditamento non può essere accettata.

Ci vengono in mente alcune realtà che forse sono sfuggite ma che da tempo stiamo cercando di avere un confronto con le autorità politiche locali.

Abbiamo un Ospedale a Sassuolo, l’unico in Regione gestito con il sistema pubblico/privato, una invenzione tutta Emiliana Romagnola che consente libertà di “ stabilimento”, anche di gestire specialità “ fuori PAL” e con poca attenzione alle specialità di base.....li chiamano “ budget “

Di fatto è stato trasformato, nel silenzio del pubblico, in Ospedale specialistico per paganti in proprio ,tanto che il fatturato paganti è arrivato a circa il 50 % del fatturato in convenzione con l’AUSL e per di più, con una strana risoluzione delle Finanze, paga il 50 % della IRES, cosa da rivedere quanto meno per il fatturato paganti.

Forse è anche sfuggito che la Cardiochirurgia in Emilia Romagna si regge su sei strutture di cui quattro private, di queste quattro ben 2 sono a Reggio nell’Emilia , una a Modena ed una in Romagna......si quella candidata a diventare IRCCS e prendere i finanziamenti.

Abbiamo una struttura qualificata, tutta pubblica, a Montecatone, dove fanno cose importanti sulla riabilitazione, riconosciuta in tutto il mondo scientifico, cominciamo a riconoscerla come IRCCS..

                                                                                                                       Mario Cardone

                                                                                                                  Direzione PSI Modena



 
Si può fare.... PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
giovedì 26 luglio 2018


 

Si può fare.....basta la volontà politica !




I Socialisti , eredi di Costa e Turati, frequentano ancora le palestre della Democrazia e Tolleranza politica.

In questo periodo storico , iniziato con “ cappi “ e “ monetine “ , fatta salva la normale critica e valutazione

nel merito , non aggiungiamo il pregiudizio, contro “ comunque “, la scelta dei cittadini, attraverso una competizione elettorale va rispettata.

Un primo effetto politico, al di fuori del merito delle questioni , trattate nel Consiglio dei Ministri del 2 luglio, è la sconfitta della politica degli annunci.

L’esempio di scuola è la politica fiscale.

Nel merito delle questioni : l’utilizzo del redditometro, per noi , è un importante mezzo per valutare la reale “ capacità contributiva “ di un cittadino.

Bene, quindi, la decisione di riscrivere i parametri di base a cura del Ministro dell’Economia e Finanze, attraverso un Decreto Ministeriale .

Lo strumento va potenziato e vogliamo cogliere l’occasione per rilanciare la collaborazione tra i Comuni e l’Agenzia delle Entrate , visto che negli ultimi tempi i Comuni tacciono, nonostante gli incentivi, anche se recentemente ridotti.

Un richiamo, ci sentiamo di farlo, alle sofferenze dei cittadini residenti nei Comuni del modenese colpiti dal terremoto del maggio 2012 e dalla alluvione del gennaio 2014.

Va prorogata la Zona Franca Urbana , in scadenza, per altri tre anni e con sostanziali modifiche alla perimetrazione delle zone all’interno di uno stesso Comune.

Sempre, in via amministrativa, visto che tanti cittadini residenti nelle zone terremotate sono oggetto di attività di controllo ed accertamento da parte degli uffici fiscali competenti, proprio per le annualità 2012 e 2013, sarebbe buona la sospensione del controllo e l’annullamento degli atti notificati, in “ autotutela “.



                                                                      Mario Cardone

                                                   Direzione Provinciale PSI Modena


 
C’ è bisogno di una Municipalità PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
giovedì 26 luglio 2018

C’ è bisogno di una Municipalità Umanistica......Sassuolo ha i numeri per farcela !


Una occhiata ai dati fiscali della dichiarazione dei redditi dell’anno 2016 dei sassolesi, dovrebbero aiutare la politica a fare delle scelte attraverso una Municipalità Umanistica, che privilegia l’ascolto dei cittadini singoli o associati che chiedono servizi celeri , qualificati nonchè interventi strutturali .

I sassolesi che hanno compilato la dichiarazione dei redditi per l’anno 2016 sono stati 29.148 di cui

15.211 lavoratori dipendenti ,10.172 pensionati, 369 professionisti e 2.843 tra artigiani, commercianti,soci di società di persone....ecc. ecc.

Il redditi imponibili IRPEF si attestano in 24.000 euro per i dipendenti, 18.000 euro per i pensionati. 54.000 euro per i professionisti e 21.000 euro per la restante categoria imprenditoriale .

I sassolesi hanno ,inoltre, pagato 10.758.000 di euro di addizionale regionale IRPEF e 4.659.000 di euro di addizionale IRPEF Comunale.

Per le categorie reddituali, spiccano 321 sassolesi che hanno dichiarato redditi superiori a 120.000 euro con imponibile di euro 78.000.000, mentre la “ palude” reddituale tra 15.000 a 75.000 euro è rappresentata da 17.969 soggetti e, con un imponibile di 642.000.0000 di euro, mentre la categoria reddituale da 75.000 a 120.000 è rappresentata da 535 persone e con un imponibile di euro 49.000.000.

Se alle imposte erariali sommiamo la TARI,BOLLI, IVA,ACCISE varie, un Consorzio di Bonifica ,che non bonifica, niente si capisce il perchè la citta è decaduta ed esasperata.

I Comuni non collaborano alla lotta alla evasione fiscale, basterebbe guardare l’ultimo DUP approvato dal Consiglio Comunale (2018/2020) per constatare l’assenza completa, non risultano segnalazioni per il passato ne si programma per il futuro.

Abbiamo già stimato, per l’anno 2014 la percentuale teorica di evasione, rivelabile dalla differenza tra il reddito disponibile e la capacità di spesa.....bisogna andare a vedere chi non fa il proprio dovere fiscale a scapito di chi le tasse le paga sulla busta paga , sulla pensione e fa le fatture e gli scontrini.

Tutti parlano di lotta alla evasione, tutti con buoni propositi ma se andiamo a leggere la relazione della Corte dei Conti.....” pollice verso “sui dati dell’attività di accertamento, dal punto di vista quali/quantitativa.

Due dati : la maggiore imposta netta accertata per la categoria reddituale delle piccole imprese si è attestata sui 65.000 euro su 144. 887 posizioni controllate. Ma in sede di concordato la maggiore imposta si è ridotta ad euro 14.000.

Che dire per le persone fisiche ed enti non commerciali : su 396.211 controlli, la maggiore imposta media accertata è stata di euro 6.000 definita in sede di concordato in euro 3.000.




                                                                           Mario Cardone

                                                                         Socialisti Sassuolo



 
Il caso Serramazzoni mette in soffitta moralismi e giustizialismi PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
lunedì 25 giugno 2018

Il successo di una Lista Civica capitanata dal maturo Bartolacelli e dalla Fornari alla quale i cittadini danno oltre trecento preferenze.

 

Serramazzoni è un comune che va studiato e i comportamenti di quei cittadini analizzati. Cinque anni fa una lista di giovani e di donne vinse le elezioni con un sindaco donna. Un partito aiutato da un contorno di moralisti pronti a buttare monetine mette insieme insinuazioni, accuse e una gran cassa politico mediatica per la quale obbligano il vincitore a dimettersi.
La magistratura interviene e dopo processi e tentativi di annientamento anche nel lavoro... quel sindaco viene assolto e liberato da ogni accusa con grande lealtà e rigore documentale. Il partito accusatore inventa un sindaco di circostanza che viene giudicato incapace di amministrare e in giugno il suo partito prende la lezione da essere estromesso dal consiglio comunale. Ma chi sono i vincitori? Una lista civica capitanata dal maturo Bartolacelli e dall' avvocato Fornari alla quale i cittadini danno oltre trecento preferenze; secondi sono i Cinque stelle e terzi la coalizione di destra-FI-Lega-FN... Ma quali sono le conseguenze da studiare:
1 un centro sinistra plurale che contenga valori democratici e aperto ai cittadini è l'antidoto naturale al populismo parolaio,
2 il moralismo da moralizzare è un espediente che non dà certezza di giustizia e verità
3 la scelta dei cittadini non condizionata da informazione scorretta e libera di scegliere candidati coraggiosi e disposti a perdere un po' di tempo di lavoro e di affetti per dirigere la comunità è efficace e positiva.
Dal punto di vista sociologico e politico, statistico e relazionale sarebbe interessante capire perchè il popolo di Serramazzoni ha dato un segnale alla politica nazionale.
Importante non mettere nel dimenticatoio un esperienza cosi precisa.

Speriamo si voglia discutere serenamente.

                                                                                                                             Paolo Cristoni






 
Su Aemilia.... PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
venerdì 15 giugno 2018

 

La Segreteria Provinciale del PSI di Modena in merito alle dichiarazioni dell'Assessore Regionale alle Politiche della Legalità Massimo Mezzetti e la precisione della Camera Penale di Modena non nasconde sconcerto e preoccupazione.

I Socialisti, da sempre, allevati ai principi della tolleranza, dei vivere civile nel rispetto delle procedure, regolamenti e dettati Costituzionali non possono fare “i pesci in barile” e bypassare le dichiarazioni sul processo Aemilia.

Non è nostra intenzione entrare nel merito delle strategie processuali delle parti, cosa che avrebbe dovuto fare l'Istituzione Regionale.

Siamo preoccupati come i rappresentanti della Camera Penale di Modena......Un passo indietro nella polemica ed un passo avanti al malaffare che sta occupando la nostra Regione.



 


                                                                                                              Segreteria Provinciale PSI