Home arrow Blog arrow QUALUNQUISMO POLITICO........
Orologio
Menu principale
Home
Le Sezioni
Notizie
Blog
Cerca
Link
Contattaci Modena
Contattaci Pavullo
Contattaci Finale Emilia
Contattaci Mirandola
Calendario
Foto
Video
Forum
Materiale
eventi
contributi
avvisi
Sito Nazionale P.S.
Internazionale Socialista
Partito Socialista Europeo
Contatore
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday2210
mod_vvisit_counterYesterday2435
mod_vvisit_counterThis week2210
mod_vvisit_counterThis month40821
mod_vvisit_counterAll3642740
Annunci
QUALUNQUISMO POLITICO........ PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
luned 04 gennaio 2021

QUALUNQUISMO Politico – Partitico: BASTA!

Nel settembre 2019 scrissi una nota giornalistica dal titolo : SOCIALISMO , vocabolo disperso .

In una interessante lettura di questo periodo “ da carcerato “ leggendo poesie di noti poeti non

Italiani , mi ha colpito una riflessione breve ma ricca di significato collegandola alla nota citata.

Il più famoso poeta portoghese Fernando Pessoa ha scritto : “… Morire è solo non essere visti …”

La immane ipocrisia della politica attiva italiana , in particolare e colpevolmente della Sinistra , è

l’abbandono strumentale del vocabolo SOCIALISMO . Usare tale vocabolo da parte di neo o ex Co-

munisti e pure da parte di ex Socialisti massimalisti entrambi ben consci che “aveva ragione Saragat”,

è “fuori moda”, è ritenuto non utile nel periodo attuale in cui la Cultura ed i riferimenti Storici sono

totalmente assenti nei rappresentanti del popolo e nei responsabili di partito.

Il vocabolo “Socialdemocratico”, utilizzato nel 1894 da Nikolaj Lenin nel suo lavoro “ Che cosa sono gli

amici del popolo e come lottano contro i Socialdemocratici “ e dai Bolscevichi ( che trasformarono il “Par-

tito operaio socialdemocratico” , nel 1918 , in “Partito comunista russo “) , si è dimostrato ,nel secolo

scorso e nel mondo, quello giusto ideologicamente .

Eminenti politici Comunisti italiani e non solo , prima di morire , ebbero il coraggio umano ed intellettuale

di riconoscere l’errore commesso ; pure molti compagni Socialisti , in particolare Pietro Nenni , riconobbero

l’ errore del legame con il PCI attivandone un “odio” viscerale e non solo. Nel quarantesimo anniversa-

rio della morte di Pietro Nenni (1/1/80) nessuna iniziativa di commemorazione è stata promossa da

autorità politiche o Istituzionali o giornalistiche ( che nel marzo scorso commemorando l’assassinio di

W.Tobagi hanno “dimenticato” di dire che era Socialista e proveniente dall’ Avanti ) ; ritengo scandaloso

che in una Italia ricca di viali , strade , giardini… in ricordo di Lenin e Stalin , a Faenza , città di nascita di

Nenni , vi sia stata una lotta politica e non solo per intitolare “qualcosa” a Pietro Nenni !!?

E’ giusto anche ricordare (ed insegnare) che il vocabolo “Riformista” era un dispregiativo utilizzato dai

Comunisti nei confronti dei Socialisti Democratici nelle piazze e nelle Istituzioni ( vedi Verbali del Consiglio

Provinciale di Modena anni 70 e 80 ).

La Democrazia permette anche a chi ha avuto torto idealmente e politicamente (No Europa , No Nato ,

No … vedi voti Comunisti nel Parlamento ) di sopravvivere , fregiarsi poi di tali scelte venendo magari

anche premiati dagli elettori . Un “destino cinico e baro” ebbe a dichiarare Giuseppe Saragat .

In molti Stati , europei e di altri continenti, il vocabolo ed i partiti Socialisti permangono , l’Internazionale

Socialista (democratica) permane ; in alcuni sono al governo , nel Parlamento Europeo il Gruppo Socialista

Esiste dalla nascita (1952) ed oggi rappresenta (elezioni del 2019) il secondo gruppo politico con 154 seggi.

Penso sia giunto il momento di “denunciare” l’attuale politica priva di Culture di Riferimento, priva di

Collegamenti intellettuali e politici rilevanti , con attività giornaliere prive di un minimo di coerenza abituan-

do così gli elettori al qualunquismo politico continuo ( vedere la storia della Lega dei “terroni”, della Pada-

nia, del Ministero delle Riforme (?) con il capo Bossi per quasi un decennio, poi nel centrodestra alle elezioni

ma facendo poi il governo con i 5stelle,lo rompe e dopo 48 ore lo ripropone cambiando però il Presidente

Conte, … eppure prende voti ovunque ! non di certo il mio).

Basta “liste civiche” con tattiche inventate al momento e componenti “del momento” che poi alle elezioni

Regionali e Nazionali votano in modo differenziato . La lista elettorale con il simbolo del Partito responsabi-

lizza i candidati , contribuisce ad una chiarezza politica e culturale dell’elettorato e combatte il qualunque-

smo ormai dilagante e facilmente strumentalizzato .

Riprendendo Pessoa , noi “non siamo visti da anni ma non siamo morti” ; se partecipiamo alle elezioni

facciamolo (anche) con il nostro simbolo .


                                                                                                           Mauro Veronesi

                                                                                                        Direttivo Prov.le PSI


Commenti
NuovoCerca
Commenta
Nome:
Email:
 
Website:
Titolo:
UBBCode:
[b] [i] [u] [url] [quote] [code] [img] 
 
 
:angry::0:confused::cheer:B):evil::silly::dry::lol::kiss::D:pinch:
:(:shock::X:side::):P:unsure::woohoo::huh::whistle:;):s
:!::?::idea::arrow:
 
Security Image
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved.

 
< Prec.   Pros. >