Home
Orologio
Menu principale
Home
Le Sezioni
Notizie
Blog
Cerca
Link
Contattaci Modena
Contattaci Pavullo
Contattaci Finale Emilia
Contattaci Mirandola
Calendario
Foto
Video
Forum
Materiale
eventi
contributi
avvisi
Sito Nazionale P.S.
Internazionale Socialista
Partito Socialista Europeo
Contatore
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday219
mod_vvisit_counterYesterday2783
mod_vvisit_counterThis week5760
mod_vvisit_counterThis month25586
mod_vvisit_counterAll4523998
Annunci
E' finito l'epoca dei vaffa! PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
marted 19 ottobre 2021

A PAVULLO E FINALE EMILIA HA VINTO LA CONCRETEZZA


Le elezioni amministrative, chiuse coi ballottaggi di ieri hanno evidenziato due elementi sociali di grande valore che nessuno ha citato. È chiaro come le esigenze spettacolari da fotografare, gli abbracci fra i distruttori politici della sinistra PCI e i nuovi vincitori, o da descrivere in particolare come a Pavullo hanno ridotto lo spazio per la analisi.
Ma evidentissimi ugualmente sono emersi i due elementi citati: l' autonomia e la capacità di scelta degli elettori rispetto quella di partiti o schieramenti e l' intelligenza di premiare uomini e donne non improvvisati, ma che venivano da un rapporto civico ed istituzionale lungo almeno una legislatura.

A Finale Emilia Poletti si è sganciato dallo schema partitico nel quale personaggi si permettevano di giudicarlo vecchio e, quindi inadatto ad interpretare la città e il suo bisogno di ritornare ad essere viva e centrale nel territorio. Le liste civiche contenevano invece tutto il composito mondo fatto di donne, giovani, professionisti e popolo del lavoro e della vita vera che Poletti ha guidato con uno slogan impegnativo: ricompattare tutta la sinistra sociale e politica su basi meno ideologiche e più operative.

A Pavullo, quello che oggi viene descritto come novità è germinato fra il popolo in cinque anni di lavoro istituzionale senza concessioni al potere della cosiddetta coalizione di destra, ma anche ad una opposizione guidata da un Pd senza rotta e in attività di basso profilo oltre che autoreferenziale. E i cittadini hanno deciso in autonomia cambiando e guidando il cambio generazionale. In tutti e due i casi, a Finale e a Pavullo non c'è alcuna diversità: gli elettori hanno scelto lo schema classico della democrazia meno chiacchiere e più fatti. Pavullo deve riprendere il ruolo guida per l'Appennino centrale così come Finale che deve uscire dal grigiore politico e svolgere il ruolo guida delle istituzioni della bassa modenese.
Gli elettori stanno dando un segnale forte agli eletti: non per sempre, ma per rispetto alle proposte. Inoltre hanno suonato la campana ai partiti, non contro di loro, ma perché si rinnovino e riprendano il cammino guida riservato loro dalla Costituzione. È finita l'epoca dei 'vaffa' e delle rivoluzioni finte e dialettiche: la famosa epidemia esistenziale, intuizione di Italo Calvino. E per tutti è giunto il momento di alzare il livello del fare politica.
 

                                                                                                          Paolo Cristoni - Psi




Commenti
NuovoCerca
Commenta
Nome:
Email:
 
Website:
Titolo:
UBBCode:
[b] [i] [u] [url] [quote] [code] [img] 
 
 
:angry::0:confused::cheer:B):evil::silly::dry::lol::kiss::D:pinch:
:(:shock::X:side::):P:unsure::woohoo::huh::whistle:;):s
:!::?::idea::arrow:
 
Security Image
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved.

 
< Prec.   Pros. >